SOUNDSCREEN FILM FESTIVAL 2020

La V° edizione del Festival internazionale interamente dedicato a Cinema e Musica. A Ravenna dal 26 settembre al 3 ottobre

Tra I pochi festival riconosciuti quest’anno dal MiBACT – Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo, Soundscreen Film Festival annuncia un ricco e variegato cartellone, con proiezioni previste non solo in presenza ma anche in modalità streaming, per raggiungere un pubblico sempre più vasto.

Numerose sone le anteprime e gli appuntamenti speciali, come gli ormai tradizionali Eventi Satellite, ovvero i grandi classici del cinema sonorizzati dal vivo dai migliori musicisti della scena indie italiana.

Il Festival apre sabato 26 settembre – inserendosi nel pieno delle manifestazioni nazionali per il VII centenario dalla morte del Sommo Poeta – con una serata imperdibile: il primo film ispirato a ‪‎Dante, il kolossal del muto italiano L’Inferno (1911), musicato dal vivo dall’energico duo noise-rock OvO.

La sonorizzazione è in collaborazione con MAR – Museo d’Arte della città di Ravenna.

Tra I cine-concerto in programma si segnala anche il compositore e chitarrista Paolo Spaccamonti e il trombettista Ramon Moro che musicano dal vivo il capolavoro di Carl Theodor Dreyer Vampyr (1932); i bolognesi Kyokyokyo che propongono l’accompagnamento di alcuni cortometraggi girati da due importanti rappresentanti delle avanguardie artistiche – Meshes of the Afternoon (1943), At Land (1944) di Maya Deren e Arabesque (1928) di Germaine Dulac -; Alessandro Baris (Collisions, Comfort, L’Altra, C’Mon Tigre) che sonorizza il post-apocalittico La Jetée di Chris Marker. In chiusura, il quartetto alt-rock di Bologna Earthset accompagna live una delle opere più perturbanti e citate della storia del cinema, la prima libera trasposizione dell’immortale Dracula di Bram Stoker, Nosferatu, eine Symphonie des Grauens di Friedrich Wilhelm Murnau.

Tutte le sonorizzazioni sono in collaborazione con Bronson Produzioni e MEI – Meeting degli Indipendenti.

Il momento principale della rassegna resta il Concorso Internazionale per Lungometraggi, affiancato dal Concorso Internazionale per Cortometraggi, un’accurata selezione della migliore e più recente produzione cinematografica mondiale.

Non poteva mancare in questa edizione un doppio omaggio: il 2020 celebra il centenario dalla nascita di due indimenticati ed amatissimi personaggi che hanno fatto la storia del cinema ma anche della cultura del nostro paese e non solo: Federico Fellini e Alberto Sordi. SoundScreen Film Festival festeggia il regista e l’attore con la proiezione di una delle pellicole che hanno visto la felice collaborazione dei due grandissimi: I vitelloni (1953).

Tutti gli appuntamenti Soundscreen sono a ingresso gratuito (limitato nel rispetto della prescrizioni sanitarie anti COVID).

Tutti i film sono proiettati in versione originale con sottotitoli italiani.

sonorizzazione OvO - a seguire: Schemers, sonorizzazione Grunge
con Massimo Zamboni e Caterina Russia Zamboni - a seguire: I Vitelloni - Federico Fellini, Italia 1953, 104'
di Carl Theodor Dreyer, Francia-Germania 1932, 83' - sonorizzazione Spaccamonti – Moro
di Zabou Breitman, Eléa Gobbé-Mevellec, Francia 2019, 82'
di Katy Léna Ndiaye, Senegal 2019, 62' - a seguire: THOUGHTS ARE SILENT - di Antonio Lukich, Ucraina 2019, 105'
di Filippo Vendemmiati, Italia 2020, 88' - a seguire: Concorso Cortometraggi
di Maya Deren - USA 1943, 14' / At Land, USA 1944, 15' - Sonorizzazione Kyokyokyo - Baris
di Rubika Shah, Regno Unito 2019, 80' - a seguire, Cerimonia di premiazione - Nosferatu, di Friedrich Wilhelm Murnau, Germania 1922, 84' - sonorizzazione di Earthset

Contatti

Cosa
Quando