Speciale Venezia 78: Viaggio nel Crepuscolo arriva al Lido nel segno di Bellocchio

27 luglio 2021

Tra i grandi eventi fuori concorso a Venezia 78 anche Viaggio nel Crepuscolo, di Augusto Contento, primo film di una trilogia sulla storia dell’Italia Contemporanea.
Prodotto dalla francese Cineparallax SARL, in coproduzione con la bolognese Articolture SRL, “Verso il Crepuscolo” fonde incessantemente finzione e documentario, e si è sviluppato dalle riprese di M.B. progetto di Giuseppe Frigeni sul cinema di Marco Bellocchio, sostenuto nel 2017 dal Fondo Audiovisivo dell’Emilia-Romagna. In “M.B.” a raccontarsi sono il maestro di Bobbio – fresco di Palma d’Oro d’Onore alla carriera all’ultimo festival di Cannes – e chi ha collaborato con lui, come, ad esempio, Anouk Aimée e Isabelle Huppert, viaggiando lungo il binario in cui scorrono la cinematografia e il contesto privato, storico e sociale in cui questa si è sviluppata.
“Verso il Crepuscolo” si pone l’obiettivo di trattare con prospettive insolite le principali questioni italiane e internazionali che partono dalla rivoluzione degli Anni ‘60, percorrendo le strade che portano agli Anni di piombo, nella fredda oscurità del declino: della famiglia, della società patriarcale, delle istituzioni scolastiche, della religione.
A ispirare Augusto Contento sono dunque i film di Bellocchio che hanno attraversato la storia come: I pugni in tasca (1965), Nel nome del padre (1972), Salto nel vuoto (1980), Vacanze in Val Trebbia (1980), Buongiorno, notte (2003). Immagini che si trasformano in poesia e, affiancati da preziosi repertori d’archivio, costruiscono un nuovo senso narrativo.