Con Nightmare Film Fest una Ravenna… da paura

22 ottobre 2016

Il lato oscuro del cinema mondiale si dà appuntamento in Romagna, nella settimana che precede Halloween, la ricorrenza più “dark” che ci sia. Da quattordici anni la consolidata formula di Ravenna Nightmare Film Fest, propone infatti il meglio della produzione internazionale legata all’horror e al fantasy, regalando comunque sempre una novità, che impreziosisce un programma già variegato e interessante per i cinefili del brivido.
L’edizione 2016 saluta l’inizio della collaborazione con la rassegna GialloLuna NeroNotte – il noto festival letterario di genere – sinergia questa che culminerà nel Dylan Dog Day, attesa anteprima del 22 ottobre. L’indagatore dell’incubo della Bonelli compie infatti 30 anni e sarà protagonista della giornata. Tra gli eventi a lui dedicati la proiezione di Nessuno siam perfetti, di Giancarlo Soldi – un appassionato ritratto sul padre di Dylan Dog – presentato in sala dal critico Massimo Perissinotto e dal regista Giancarlo Soldi, e di Dellamorte Dellamore di Michele Soavi, con un enigmatico Rupert Everett, a cui Tiziano Sclavi si ispirò nel dare un volto a Dylan. Ai film si assoceranno incontri con i disegnatori e sceneggiatori del personaggio, come le scrittrici Paola Barbato e Cristiana Astori, i fumettisti Corrado Roi e Gigi Simeoni, l’autore Giancarlo Marzano, e una mostra con tavole originali, riproduzioni e sagome a grandezza naturale.

Dal 27 ottobre al 1 novembre spazio invece al concorso ufficiale, con sei film in lizza al Palazzo del Cinema e dei Congressi, per ottenere l’Anello d’Oro. Dagli USA Simon Rumley e l’inquietante maledizione del condannato a morte in Johnny Frank Garrett’s Last Word; dalla Russia Oleg Asadulin con la presenza maligna in un’auto raccontata in Paranormal Drive, e la morte tra i ghiacci di Tragedy at Rodger’s Bay di Philipp Abryutin. Sempre a Est e sempre al freddo restiamo con Snow, dell’esordiente bulgaro Ventsislav Vasilev, che ci mostrerà il giovane Bobby alle prese con uno zio e un cugino molto violenti. La Svizzera concorrerà invece con il corale Wonderland, opera apocalittica che ha impegnato ben dieci registi, mentre la Norvegia, ultima ma non ultima, cavalcherà la moda dei reality con l’angosciante Vilmark Asylum diretto nel 2003 da Pål Øie.
A contendersi il premio di categoria anche una selezione di cortometraggi, la cui proiezione sarà corredata da ospiti ed eventi speciali.
Il festival proporrà anche anche la serata a inviti Opening Night, dedicata ai trent’anni del bellissimo Blue Velvet di David Lynch, la restrospettiva Lezioni di Nero – L’evoluzione del genere da classico a post moderno, curata dalla critica Mariangela Sansone, e Contemporanea – Il cinema del presente, con alcuni dei migliori film della recente distribuzione, non in concorso.

Ravenna Nightmare Film Fest è diretto da Franco Calandrini, organizzato da Start Cinema, con il contributo del Comune di Ravenna – Assessorato alla Cultura, e della Regione Emilia-Romagna.