La Guaritrice in prima assoluta al Festival International du Film de Marrakech

03 dicembre 2018

Debutta sul grande schermo La guaritrice, lungometraggio di Mohamed Zineddine in concorso il 3 dicembre alle 16:30 nella sezione Panorama del Festival International du Film de Marrakech, una delle più prestigiose manifestazioni cinematografiche del continente africano.

L’opera, produzione internazionale che ha coinvolto il Marocco, l’Italia e il Qatar è frutto di una sinergia tra Ouarzazate Films, Janaprod, la bolognese Imago Orbis e Doha Film Institute, ed è stata realizzata con il contributo di Emilia-Romagna Film Commission.
La guaritrice è ispirata a ricordi personali del regista marocchino (da tempo residente a Bologna), che ha riunito in Mbarka, la protagonista, le figure femminili più particolari e affascinanti della sua famiglia.
La vicenda è ambientata nella periferia di Khouribga, città marocchina in cui una miniera di fosfato condiziona la vita e la salute dei suoi abitanti. Qui si svolge anche la vita dell’adolescente Abdou, figlio adottivo di Mbarka, la severa e autorevole guaritrice del quartiere, rispettata e temuta come figura medica e magica. Le loro vite si sconvolgono con l’entrata in scena di Ch’Aayba, pescivendolo ambulante in bilico tra la legalità e una vita dissoluta.
Dopo l’impegno a Marrakech, il film sarà ospitato sempre a dicembre proprio a Khouribga, in occasione del Festival del cinema Africano (15-22 dicembre).
La distribuzione è invece prevista in Italia per la primavera 2019.

(Foto di Luca Coassin)