Ennesimo Film Festival raddoppia: prima in Tv e poi nelle piazze

21 maggio 2020

Non potranno esserci i laboratori, gli ospiti internazionali e tutte quelle attività collaterali che lo scorso anno avevano abitato Fiorano Modenese portando il mondo del cinema anche fiori dalle sale, fino in ludoteca. Ma la sostanza dell’Ennesimo Film Festival rimane intatta, con un fitto programma di cortometraggi selezionati dalle proposte arrivate da oltre centoventi Paesi nel mondo. I film scelti, molti dei quali prodotti da giovani registi, arrivano da Turchia, Francia, Albania, Germania, Polonia, Austria, Spagna, Belgio, Paesi Bassi, Ungheria, Singapore, Stati Uniti, Iran, e Grecia e tra questi spiccano ben nove première italiane e una prèmiere mondiale. Sarà l’Ennesimo, infatti, a ospitare la prima proiezione di Weekend, ultima creazione del regista iraniano Ario Motevaghe che promette di lasciare il pubblico a bocca aperta.

Dopo lo slittamento causato dalla pandemia di Covid-19, la kermesse organizzata e diretta da Federico Ferrari e Mirco Marmiroli è pronta dunque a ripartire con una quinta edizione molto speciale, che in virtù del momento particolare si sdoppierà in due appuntamenti.
Dal 16 al 20 giugno (il 16, 17 e 20 giugno a partire dalle 21.30, il 18 dalle 22.30) i venti cortometraggi della Selezione Ufficiale andranno in onda su TRC TV (canali 11 e 15 del digitale terrestre), in quattro puntate dedicate interamente all’Ennesimo. Il pubblico potrà così vedere i corti direttamente da casa propria e votare come al solito il proprio film preferito per contribuire all’assegnazione dell’Ennesimo Premio Popolare. Ad assegnare l’Ennesimo Premio della Giuria saranno invece Ilaria Feole, critica cinematografica di Film TV, Ciro d’Emilio, giovane regista napoletano che ha debuttato lo scorso anno a Venezia con Un giorno all’improvviso e Monica Naldi e Paola Corti del Cinema Beltrade di Milano.

Il secondo appuntamento col festival è fissato invece per la seconda metà di agosto e secondo le anticipazioni del Vicesindaco di Fiorano Modenese Morena Silingardi prevede “un tour di proiezioni che toccherà diversi luoghi del territorio comunale per fare in modo di evitare assembramenti e facilitare la partecipazione della cittadinanza che non dovrà allontanarsi troppo dalla propria abitazione. Ogni sera sarà proiettata una delle selezioni del Festival”.