Cinema e Musica: con Soundscreen è amore

06 luglio 2018

Dal 22 al 29 settembre, al Palazzo del Cinema e dei Congressi di Ravenna, torna Soundscreen Film Festival, manifestazione dedicata alle opere in cui è protagonista la musica. La fortunata rassegna, diretta da Albert Bucci e promossa e organizzata dall’Associazione Culturale Ravenna Cinema in collaborazione con il Comune di Ravenna-Assessorato alla Cultura, e il contributo della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, è giunta alla sua terza edizione, cavalcando una formula che si rivela di anno in anno più felice.

Se prima dell’avvento del sonoro la musica dettava il ritmo e l’intelaiatura emotiva dei fotogrammi sul grande schermo, le colonne sonore di oggi restano imprescindibile ossatura delle emozioni e della memoria che ce ne rimane. Il festival prova quindi a intercettare i film in cui la musica sia non un accessorio, ma identità, elemento fondante della scrittura stessa, o anche tema centrale della narrazione, spaziando tra fiction e musical, biopic e documentari, cinema sperimentale e di ricerca, con particolare attenzione alle nuove generazioni di talenti e all’ibridazione, alla sperimentazione sul linguaggio.

Al centro della manifestazione i due Concorsi Internazionali, uno per lungometraggi, e l’altro dedicato ai corti, a cui ci si può iscrivere fino al 27 agosto 2018 direttamente sul sito del festival. E tra gli eventi collaterali, le anteprime, le sonorizzazioni dal vivo e gli incontri star d’eccezione, spicca un omaggio speciale a due maestri che quest’anno compiono rispettivamente 70 e 90 anni: John Carpenter, cineasta ribelle e compositore di musiche per il cinema, e il Premio Oscar Ennio Morricone, insuperato autore legato a titoli cult indimenticabili. L’edizione di Soundscreen non poteva quindi che aprirsi con il film che li fece incontrare nell’82: La cosa (The Thing), con Kurt Russell.

(Foto di copertina: John Carpenter)