Il cinema dell’Emilia-Romagna conquista Roma

14 ottobre 2021

Sarà Filippo Vendemmiati con Let’s Kiss – Franco Grillini Storia di una rivoluzione gentile a portare l’Emilia-Romagna in concorso alla Festa del Cinema di Roma, grazie alla selezione ufficiale in Panorama Italia, di Alice nella città, sezione autonoma e parallela della manifestazione capitolina. Prodotto da Genoma Films con Albedo Productions e con il sostegno del Fondo Audiovisivo regionale, il film è incentrato appunto sulla figura di Franco Grillini, politico e attivista bolognese da sempre impegnato nella lotta per il riconoscimento dei diritti civili LGBT e ricostruisce i luoghi simbolo della sua vita e oltre trent’anni di storia politica italiana. La prima del film è prevista per il 18 ottobre alle 21, presso l’Auditorium della Conciliazione.
Dopo gli Orizzonti veneziani Atlantide, di Yuri Ancarani porterà a Roma la vita quotidiana di un gruppo di giovani veneziani, che ha già fatto molto parlare stampa e pubblico. Prodotto da Dugong Films con il sostegno della Regione, e distribuito da I Wonder Pictures, il film è in proiezione fuori concorso sempre dentro Alice nella Città in “Sintonie”, la nuova sezione istituita lo scorso anno dal dialogo con Alberto Barbera, Direttore della Mostra del Cinema di Venezia, con la volontà di approfondire e amplificare tra i giovani i temi che più li riguardano.
Anche Diabolik non ha saputo resistere al red carpet. I Manetti Bros, nel corso degli “Incontri Ravvicinati” aperti al pubblico, il 15 ottobre alle 17 presenteranno i primi dieci minuti del primo episodio dell’attesissima saga, la cui uscita nelle sale è prevista il prossimo 16 dicembre. Gli incontri ospiteranno inoltre Marco Bellocchio, che mostrerà un’anteprima della serie “Esterno notte”.

Saranno dunque giornate intense per Emilia-Romagna Film Commission, che non solo supporterà i film in sala, ma anche le opere in sviluppo, in produzione e in prossima distribuzione protagoniste al MIA – Mercato Internazionale dell’Audiovisivo. Sono infatti diversi i progetti che coinvolgono il territorio, a partire da Olimpia’s Way (Acqua e Anice) prodotta da K+, opera in fase di realizzazione ospitata in Film Co-Production Market & Pitching Forum. Riflettori puntati anche su Delta, di Michele Vannucci, inserito in What’s Next Italy, in cui vengono presentati i film italiani non ancora in distribuzione. Entrambe le opere sono sostenute dal Fondo Audiovisivo.
Al Doc Pitching Forum, spazio invece a 13, selezionatissimi, documentari in sviluppo, tra cui segnaliamo 5 Nanomoles – the Olympic dream of a trans woman della bolognese Ethnos, incentrata sulla vicenda di Valentina Petrillo, atleta transgender con disabilità visiva, The Mayor – Me, Mussolini and the museum, di Piergiorgio Curzi, Sabika Shah Povia. Prodotto da Road Television e Illegitime Defense. Il progetto è stato già premiato nel 2020 come “Best Italian Project” al Bio to B di Biografilm Festival. La casa parmigiana Small Boss è infine presente con il progetto Radicals.
Gian Luca Farinelli, direttore della Cineteca di Bologna, Claudio Giapponesi, presidente di Kiné, e il regista Michele Manzolini saranno tra i relatori del panel Working with the archives, in cui, partendo da esempi concreti si discuterà della realizzazione di documentari che utilizzano materiale d’archivio, sviscerandone anche gli aspetti legali e organizzativi legati ai costi e ai diritti.

Emilia-Romagna Film Commission parteciperà inoltre a diverse iniziative e incontri, tra cui l’assemblea nazionale delle Film Commission, e sarà presente al MIA con il suo staff nel Padiglione Italiano, per presentare ai produttori nazionali ed esteri, tutte le facilities per girare in Emilia-Romagna.