I Quattrocento colpi

Primo film di Truffaut, e primo della serie Doinel. Antoine/ Jean Pierre corre più forte che può: ha quattordici anni, è uno studente furbo e svogliato, allestisce altarini in onore di Balzac, ruba una macchina da scrivere. Un ragazzino che si chiama Léaud cambia il modo in cui il cinema guarda il mondo: sguardo infantile, struggente, dalla finestrella del cellulare che lo porta al riformatorio, sguardo di colpo adulto davanti al mare che blocca la sua corsa. Godard ha fatto della nouvelle vague qualcosa di travolgente, Truffaut l’ha destinata all’eternità.

Francia, 1959 – regia di François Truffaut – con Jean-Pierre Léaud, Albert Rémy, Claire Maurier, Patrick Auffay, Georges Flamant – durata: 93′

Ricerca

Cosa
Quando