La Cineteca di Bologna trionfa a Venezia nella sezione Classici

12 settembre 2016

Non c’era modo più bello per ricordare il ventennale della scomparsa di Marcello Mastroianni e per riconciliare Marco Ferreri con la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, dopo un rapporto turbolento durato decenni. La Cineteca di Bologna torna dal Lido con il Leone Classici per il restauro di “Break Up – L’uomo dei cinque palloni”, consegnato nelle  mani emozionate del Direttore Gian Luca Farinelli dal Presidente di Giuria Roberto Andò, che ha votato questo capolavoro dimenticato insieme a 26 laureandi in storia del Cinema. Già lo scorso anno – con grande sorpresa di tutti – la Cineteca si aggiudicò la statuetta per il restauro di Salò o le 120 giornate di Sodoma di Pier Paolo Pasolini, che mise in secondo piano Amarcord, il capolavoro felliniano visto come grande favorito. La 73esima edizione della Mostra ha nuovamente privilegiato un’opera rara, quasi dimenticata, rispetto a La battaglia di Algeri di Gillo Pontecorvo, caposaldo del nostro cinema nel mondo e realizzata da un direttore storico della manifestazione veneziana. La pellicola narra di un ricco imprenditore dolciario, Mario (Marcello Mastroianni), in procinto di sposarsi con Giovanna (Catherine Spaak). la cui vita monotona e senza colpi di scena, sarà sconvolta per sempre dall’improvvisa fissazione di scoprire fino a che punto un palloncino possa essere gonfiato prima di scoppiare. Il suo dilemma, che coinvolgerà luminari e scienziati, non troverà risposta, portandolo al suicidio. Realizzato tra il 1963 e il 1967 Break Up, per una scelta poco felice del produttore Carlo Ponti, venne ridotto a episodio nel film collettivo “Oggi, domani e dopodomani” in cui, insieme a Ferreri, furono coinvolti Luciano Salce ed Eduardo De Filippo. Solo nel 1969 uscì in Francia la versione integrale, oggi restaurata dalla Cineteca, in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema di Torino e Warner Bros., con il sostegno di Sordella e Nuovo Imaie. Il giorno della proiezione del film a Venezia RadioEmiliaRomagna ha realizzato un accurato speciale, che vi riproponiamo

Social